...ero una bambina quando lasciai la cara Pola, scappammo di notte, senza salutare, come ladri ... colpevoli soltanto di volere la pace...
....non ci sono mai tornata e chissÓ...
... nel cuore comunque la porto sempre con me e quando ai miei nipotini canto le filastrocche siciliane ripenso a quelle della mia terra, a quelle che la mia nonna cantava a noi bambine...

gufi fumatori

"Dalla Gomiliza alla Terra Sicula "

Filastrocche e ninnenanne raccontate e cantate dalla zia Alice

Roma, Febbraio 1993
Questa raccolta Ŕ dedicata alla Zia Alice, che Ŕ stata per noi nipotine una sorella maggiore. Come uno spirito folletto ci ha guidato nei giochi di fanciulle, insegnandoci a vivere con allegria e a cogliere l'aspetto poetico della natura. Cresciute, Ŕ stata il nostro riferimento; i suoi racconti e ricordi hanno sempre mantenuto vive le radici ed i legami con quella terra dalmata, che ora non so pi¨ come si chiama e che nel suo cuore Ŕ sempre stata Italia.
Ringrazio quanti hanno collaborato con me alla realizzazione di questo libretto, in particolare mia sorella Franca inviandomi alcune filastrocche; mio figlio Alberto organizzando e redigendo i testi; Silvia per la composizione al computer; Daniela per i disegni e Giorgio per la stampa.

1. Cavallino, arrý, arr˛, piglia la biada che ti d˛, piglia i ferri che ti metto per andare a San Francesco; a San Francesco c'Ŕ una via che ti porta a casa mia; a casa mia c'Ŕ un altare con tre monache a cantare; ce n'Ŕ una pi¨ vecchietta Santa Barbara, benedetta.

2. Santa Lucia, mama mia, porta i bomboni a casa mia, e se la mama non li mette, resta svode le scarpette. Coi soldini del papÓ, Santa Lucia arriverÓ.

3. Io son Pippetto Sbroffoli che al mondo sta e sono il figlio unico del mio papÓ ! !

4. Go un ocio che me lagrima, dall'altro poco vedo, per˛ lo stesso credo de poderme maridar. Parapa zum, zum, zum.

5. Chi xe, chi xe che bate, sarÓ la siora Cate. Chi xe, chi xe che busa sarÓ la siora Annussa.

6. Fumar la pipa non Ŕ peccato l'ha detto Bortolo che me l'ha dato e adesso fumo con grande ardore son fumatore, son fumator. Zumpa, rapara, zumpa Zumpa, rapara, zumpa Zumpa, zumpa, zumpa, zumpa son fumator. A quindici anni quando fumai la prima volta mi ubriacai, ma adesso fumo con grande ardore son fumator, son fumator ! Zumpa, rapara, zumpa Zumpa, rapara, zumpa Zumpa, zumpa, zumpa, zumpa son fumator ! Fumano tutti, ricchi e operai soltanto i poveri non fumano mai. Io adesso fumo con grande ardore son fumatore, son fumator. Zumpa, rapara, zumpa ............

7. Che cose strambe: la a con due gambe, la o tonda in faccia, la e con due braccia; curioso Ŕ l' u che guarda in su, ma il pi¨ carino Ŕ la i col puntino.

8. Madonnina Santa, daghe salute alla mia mamma, al mio papÓ, a tutti quanti. Ges¨ Bambin te dono el mio piccolo cuoricin.

9. E ti col mus e mi col tram andemo a Servola doman andemo a Servola doman !

10. Da Trieste fino a Zara g˛ impegnÓ la mia chitara, amor, amor, amor, amor. Da Trieste fino a Luino go' impegnado el mandolino, amor, amor, amor e Trieste xe un bel fior. Iero in campagna col primo amor, o che bel fior, o che bel fior, o che bel fior. Iero in campagna col primo amor o che bel fior, o che bel fior, viva l'amor !

11. Voga, voga, voga il re si mangia l'oca, la regina la gallina e Sandrina la pappina.

12. Questo dixe: ghe xe su la barca pomi, questo dixe: andemoli a comprar, questo dixe: non gavemo soldi, questo dixe: li rubemo alla mamma, questo dixe: mi son piccolo, piccolo ma ghe contar˛ tutta alla mamma !!

13. Avia u' sciccareddu ma vero saporito a mia me l'ammazzarono povero scecco mio. Che bedda voce avia paria un gran tenore sciccareddu de lu me core come io t'aio a scurdÓ. E quando piangeva facia: hi ha! hi ha! hi ha! Sciccareddu de lu mi core come io t'aio a scurdar.

14. Questa Ŕ la storia del signor Intento che la dura tanto tempo e che mai non la se destriga ti vol che te la diga, si o no? Non xe dise si perchŔ la storia del sior Intento che la dura tanto tempo e che mai non la xe destriga ti vol che te la diga, si o no? Non xe dise no perchŔ la storia del sior Intento ecc. ecc ...

15. Achete, bachete, zucchete ma Abe, fabe, dominŔ. Ai bai, rec, zuc, ars !

16. Piove, piovesina, la gatta va in cusina, la rompe le scodelle la lassa le pi¨ belle. Le pi¨ belle, le pi¨ brutte le volemo fora tutte !!

17. Pipiziola, regaziola della neve, della bianca che val cento e cinquanta. Val uno, val due, val tre, val quattro, val cinque, val sei, val sette, val otto, che magnava pan biscotto che diseva: "o che bon, tira su quel deo baron !!

18. Mio compare Giacometo el gaveva un bel galeto, quando el canta l'apre el beco el fa proprio inamorar ! Quando el canta, canta, canta l'apre el beco, beco, beco el fa proprio inamorar ! Un bel giorno la parona, per far festa agli invitati la ghe tira el collo al gallo, la lo mette a cusinar. La ghe tira, tira, tira el collo al gallo, gallo, gallo la lo mette a cusinar. Le galline tutte mate per la perdita del gallo, le gÓ roto el caponaro per la rabbia che le gÓ. Le gÓ roto, roto, roto el caponaro, aro, aro per la rabbia che le gÓ !!

19. La Bambola meccanica ha un forellino qui; un ferrettino apposito che si applica cosý: si gira, si rigira, si gira un altro p˛, e subito la bambola riprende il suo vigor ! Fa un passo di qua, fa un passo di lÓ, poi dice papÓ, poi dice mammÓ, la bambola meccanica che grande felicitÓ !!

20. Bongiorno, dona, che Dio te da Madona. Come se prima dixe? Come se prima parla? Bongiorno, dona. (Il saluto della Bosiza lavandaia)

21. Batti le manine che vegnirÓ el papÓ el portarÓ i bomboni e la Giulia (o Alessandra ... ) li magnarÓ.

22. Esce fuori una gattina col grembiale, col grembiale da cucina; con la voce sopraffina, incomincia, incomincia a miagolar: miao, miao, miao, miao, miao, miao, miao, miao mucci-ci, la musica dei gatti la termina cosý ! Esce fuori un gatto grosso con la voce, con la voce da tenore, e con due gran baffoni incomincia, incomincia a miagolar: miao, miao, miao miao, miao, miao, miao, miao mucci-ci, la musica dei gatti la termina cosý !

23. La gallina va al panaro la va su per el fumaro, la va su per le scalette la ghe magna le zizzette !

24. Bozolo, tondolo cagnolin daghe da bever al fantolin daghene un poco daghene assai per l'amor dei profetai, i profetai xe andadi in guerra, tutti quanti col cul per terra.

25. La porta el fiocco rosso la piuma sul cappello davanti al colonnello, alle ufficialitÓ. Gran Dio del ciel che fai fiorir le zucche, fammi veder le gambe delle putte. E la Marianna la va in campagna finchŔ il sol tramonterÓ, tramonterÓ, la Marianna, la Marianna tornerÓ !!

26. Cordon, cordon de San Francesco la bella stella in mezzo, la fa un salto, la fa un altro, la fa la riverenza, la fa la penitenza, la chiude i oci la basa a chi che la vol.

27. E la ... a ... Violeta, la va, la va la va, la va, la va, la va ... la va sui monti e la se insognava che iera el suo Gigin che la rimirava. PerchŔ tu mi rimiri, Gigin d'amor? Gigin d'amor, Gigin d'amor? Mi te rimiro perchŔ tu sei bella, bella vuoi venir con me alla guerra?

28. Mi gavevo una gallina dalla piuma molesina che la sera e la mattina la fazeva coccodŔ ... cocco ... coccodŔ. Un bel giorno torno a casa, trovo zitta la cusina e non vedo la gallina che fazeva coccodŔ ... cocco ... coccodŔ. Ghe domando alla mia moie: dove xela, dove xela la gallina. La xe in teccia, poveretta fra el butiro e el pan grattÓ. Ve lo giuro, amici cari, che g˛ pianto a sta parola ma co la go vista in tola, anche i dei me son licÓ ! ...

29. Anna, Susanna, rispondi a chi te ciama, alza la voce, bacia la croce. Vai sotto al letto, ti trovarÓ un confetto; el confetto iera duro salta sul muro; el muro iera rotto, salta sul pozzo; el pozzo iera pien de acqua salta in piazza; la piazza iera piena de signori, salta sui fiori; i fiori iera secchi, salta sui preti; i preti iera stufi salta sui mussi; i mussi camminava e la Susanna se ribaltava !

30. Sotto le scale del mio compare stava un vecio a suonare, a suonare le 24 .... 1, 2, 3, 4

31. Plac ! Salsicciotto va in cucina per spennare una gallina, la gallina non si trov˛. Salsicciotto se ne and˛. 1, 2, 3, zucchero, miele e caffŔ !

32. Din, don, campanon tre sorelle sul balcon: una fila, l'altra taia, l'altra fa el cappel de paia per andare alla battaia ! La battaia xe finia; tutte le donne le scampa via !

33. Allo scambio del gi˛, giochiam col sasso in man, oilý, oilÓ, noi giocherem, chi va e chi viene; con lo zigo, zigo, za.

34. Din, don, campanon le campane de San Simon le sonava tanto forte le buttava zo le porte. Le porte iera de fero tutte quante vestie de nero.

35. Ninna nanna mio bel bambin che la mamma te sta vicin el papaci te xe lontan fa la nanna fino a doman ! La ninna nanna lu me farÓ con la mamma e col suo papÓ !

36. Bose, promosina, Cristo provedici che siamo in tredici, senza un quattrin !

37. La Titili, la Bitili, la Totola botola bo la piccola Titilina la fa l'amor con tanti con ricchi e mercanti, ma nessun no la vol spasar ! La ninna nanna la me farÓ con la mamma e col suo papÓ !

38. Din, din cavallin don, don cavallon don, don, don cavallin, cavallon cavallin, cavallon, cavallon.

39. DedŔ, dedŔ, cavallo la mamma vien dal ballo con le tetine piene per darghe ai suoi putini; ma i putini non le vol e la mamma ghe le tol !

40. Fa la nanna bambin fa la nanna bel bambin, nei brazeti della mamma, fa la nanna, fa la nanna. La tua mamma xe qua, el papÓ ritornerÓ ma el bambin non lo vedrÓ, perchŔ nanna lui farÓ ! Ninna nanna a ... a ... Fa la nanna bambin, fa la nanna bel bambin ...

41. Le manine laboriose quante cose sanno fare, con le dita industriose mai non cessan di lavorar. San cucire, san stirare, san lavare e sciorinare, sanno battere di gioia son graziose a salutar. San la mamma accarezzare, san pregar con sentimento, mandan baci a cento a cento e poi vanno a riposar !!

42. La titoci, toci, to la titoci, toci, to la titoci, toci, to la titoci, toci, to. Chiudi i piccoli ocieti titilina de la tua mama; chiudi i piccoli ocieti titilina del tuo papÓ !

43. Trotta, trotta cavallo di legno col tuo bel cavalier sulla groppa, trotta, trotta se arrivi a quel segno alle corse ti voglio menar. Su galoppa, galoppa, galoppa, noi dobbiam come il vento volar. Su galoppa, galoppa, galoppa noi dobbiam come il vento volar.

44. Buongiorno Margherita, buongiorno mio signor, se fossi pi¨ grandeta, faressimo l'amor. Son troppo piccolina son figlia di un signor. Buongiorno Margherita, buongiorno mio signor!

45. Soldatini andate di passo non sentite che fate fracasso; un, due, un due, alt !

46. Questo xe l'ocieto belo, questo xe el suo fradelo, questa xe l'orecieta bela, questa xe la sua sorela, questa xe la porta del convento e questo xe il campanon che fa "din, don".

47. Ghe iera una donna de quele che l'amava le bestie de cor, la mette el suo gatto in traversa la lo mena da un bravo dottor. El bravo dottor el ghe dixe: non la vede che za el xe crepÓ ! La vada presto all'impresa la ghe ordini un bel funeral ! La bara tutta in celeste, Guarnida de fiori e ghirlande, la lo veste in camisa e mutande e in testa un gran capellon !

48. Do gobeti de bassa statura i se diseva robe amorose ma i gaveva una grande paura che i passanti gavesse a sentir: i xe ga dito robe da ciodi i xe ga dado do pugni sul muso i xe andai a finire in quel buso dove se beve un gotto de vin. E uno de lori ga dito: "fiol d'un can nianca ti te xe drito, fiol d'un can nianca ti ti xe drito, drio la schena te ga un montisel ! E quell'altro de lori ga dito: "fiol d'un can nianca ti ti xe drito, fiol d'un can nianca ti ti xe drito, drio la schena te ga un montisel !

49. Pugni, pugnetti, sacchi, sacchetti, cosa ghe xe de dentro, pan e formento; cosa ghe xe de fora, pan e cipolla.

50. Mano, manuzza olŔ Ŕ arrivata la figlia del re, Ŕ arrivata una bella figliola, caciocavallo fatto con l'ova.

51. AmbarabÓ, cicý, coc˛ tre civette sul com˛ che facevano l'amore con il figlio del dottore. Poi la mama le sgrid˛, ambarabÓ, cicý, coc˛ !

52. Tre pulcini andando a spasso incontrarono una volpe che venendo a passo a passo leggicchiava il suo giornal. "Buonasera, miei pulcini, e di bello che si fa ?" GiÓ che mamma Ŕ andata fuori, siamo usciti dal pollaio, vogliam fare un p˛ i signori e girar di qua e di lÓ. Bravi, bravi per davvero voglio stringervi la man ! Cosý detto si affrett˛ e gl¨, gl¨ se li mangi˛ !

53. El mio mario xe bon, il xe tre volte bon, soltanto la domenica, soltanto la domenica, il mio mario xe bon, il xe tre volte bon, soltanto la domenica il me onze col baston. E zumpa leru, e zumpa leru, leru, leru !!

54. Goba su pare, goba su mare, goba la goba de sua sorella, iera goba pure quella, iera goba pure quella goba su pare, goba su mare, goba la goba de sua sorella, iera goba pure quella, la famiglia dei gobbon.

55. Ancora un litro de quel bon, ancora un litro de quel bon, ancora un litro de quel bon, p˛ andemo a casa. No g˛ le ciave del porton no g˛ le ciave del porton no g˛ le ciave del porton per entrar a casa. Le g˛ lasade in un canton, le g˛ lasade in un canton, le g˛ lasade in un canton de la contrada.

56. E non la me vol pi¨ ben, e non la me vol pi¨ ben, la prega i Dio che crepi, la prega i Dio che crepi. E non la me vol pi¨ ben, e non la me vol pi¨ ben, la prega i Dio che crepi inveze stago ben !

57. Zin, zin, zin el Toni Pasqualin se ga roto la pignatela se ga spanto tutto el vin.

58. Bali, baleti, bali, balin bala la munega, la munega; bali, baleti, bali, balin bala la munega col fratin.

59. C'era una volta un piccolo naviglio c'era una volta un piccolo naviglio c'era una volta un piccolo naviglio che non sapeva, non sapeva navigar. E dopo una, due, tre, quattro, cinque, sei, sette settimane il naviglio, il naviglio navig˛.

60. Un bel giorno in riva a un fosso, oilý, oilÓ, incontrai una bambina, oilý, oilÓ, si chiamava Teresina, la pianzeva, la pianzeva dal dolor ... PerchŔ piangi Teresina, oilý, oilÓ, perchŔ piangi Teresina, oilý, oilÓ, perchŔ piangi Teresina, io ti voglio, io ti voglio consolar.

61. DedŔ, dedŔ cavallo, la mama vien dal ballo con le tettine piene, da darghe ai suoi putini bei putini non pianzŔ, perchŔ scarpe non gavŔ; el papÓ xe caligher, ve farÓ un altro per.

62. Balla orso, balla orso balla come balli tu. Le gambe in su, la testa in gi¨, balla orso su.

63. El frate ga perso le zavatte el numero 1 le ga trovÓ. Chi, mi ? Ti, si ! Mi, no ! Chi po' ? El frate ga perso le zavatte el numero 2 le ga trovÓ. Chi, mi ? Ti, si ! Mi, no ! Chi po' ? El frate ga perso le zavatte (all'infinito) ....

64. La mia mama me ga dito: non guardar le donne more che son tutte traditore; non me sposar˛ mai, resto celibe. La mia mama me ga dito: non guardar le donne bionde che son tutte vagabonde; non me sposar˛ mai pi¨, resto celibe !! E per finire in bellezza un canto nostalgico ...

65. Quell'orologio che batte le ore; quell'orologio che batte le ore, Ŕ giunto il vapore bisogna partir, Ŕ giunto il vapore bisogna partir. Addio Zara, o Zara mia, se vado via, ti porto nel cuore; ma se ritorno, ti porto un bel fiore, evviva l'amore, la libertÓ.

Spero che vi siano piaciute, e che le possiate cantare ai vostri bambini.

Se volete contattarmi, o darmi qualche consiglio o aggiungere qualche filastrocca scrivete: